StorieBio Tofu

Il mercato alimentare è ricco e generoso di ogni tipo di cibo possibile e da qualche decina di anni si è arricchito di alimenti già pronti o da preparare a base di proteine vegetali. Chi desidera variare la propria dieta, chi è vegetariano, vegano o ha intolleranze alimentari può scegliere tra una gamma molto ampia e gustosa dei cosiddetti piatti pronti.

StorieBio ha intervistato Massimo Santinelli di Biolab, imprenditore friulano e pioniere dei piatti pronti a base di proteine vegetali. E’ un intervista di estremo interesse per sapere come vengono prodotti questi cibi e di come si sono evoluti nel tempo. Potremmo dire che sono ammantati di un certa allure eroica, dal momento che Santinelli intraprese l’attività nel 1991, quando tofu e seitan erano sconosciuti ai più e il bio, normato come conosciamo da due decadi a questa parte, era ancora là da venire. Ci è sembrato dunque perfetto abbinare alla sua intervista alcune considerazioni di Massimo Govoni, professionista della normativa del biologico da oltre 20 anni. L’articolo si arricchisce di una versione salata del clafoutis preparato per StorieBioRicette da Maura Bozzali, chef e insegnante di cucina naturale, macrobiotica, veg e bio e che si è perfezionata con Pietro Leemann al Joia Academy.

Questa è un’immagine a 360°. Falla scorrere usando il puntatore.

Illustrazioni create da Kaos Communication

La redazione di Bioqualità e Simona Riccio hanno intervistato Massimo Santinelli di Biolab.

M.S.: Posso dire di aver seguire la crescita del Bio (insieme al Veg) passo dopo passo. Ricordo che agli inizi occuparsi di cibo biologico, vegetarismo e veganismo era quasi da pionieri: il biologico non aveva ancora una normativa di riferimento e anche gli uffici che dovevano rilasciare permessi per l’apertura del laboratorio non sapevano cosa fossero tofu e seitan. Biolab è cresciuta da allora, diventando industria dal 2009.

Leggi l’intervista completa

Massimo Govoni scrive di quanto sia importante, per le aziende agroalimentari, dotarsi di un sistema di autocontrollo per avere un prodotto non solo buono, ma di elevata qualità.

M.G.: E’ particolarmente interessante parlare di garanzie del biologico, attraverso un’azienda come Biolab che produce piatti pronti, poiché rappresenta l’esempio più chiaro di quanto sia importante il sistema di autocontrollo in un processo produttivo. La produzione di questi alimenti rappresenta, infatti, la summa di tutti i processi di cui abbiamo parlato in StorieBio. Qui troviamo i prodotti della terra, la loro prima lavorazione per essere utilizzati come ingredienti, la produzione di un alimento completo con una ricetta complessa, e un sistema di confezionamento e di distribuzione delicati per il mantenimento della freschezza del prodotto.

Leggi l’intervento

Un clafoutis estivo con fiori di zucca e a base di tofu, molto aromatico e speziato, è la preparazione che la chef Maura Bozzali ha realizzato per StorieBioRicette

Vai alla ricetta

StorieBioRicette Maura Bozzali Clafoutis salato

Leggi gli altri articoli:

StorieBio, mele biologiche che amano l’ambiente

StorieBio, pesce bio antibiotic free

StorieBio, storie di fiori, api e miele biologico

StorieBio, la filiera della farina biologica

StorieBio, la pasta biologica dal campo al piatto

StorieBio, cosa c’è dietro un buon bicchiere di latte bio?

StorieBio, racconti di arance biologiche dal ramo alla marmellata