Funghi Valentina prataioli bio StorieBio

Non è molto diffusa la consapevolezza che, quando si assaporano i funghi, si mangia anche ciò di cui si sono nutriti. E se l’ambiente è inquinato, e spesso i terreni inquinati non sono facilmente identificabili, allora è consigliabile scegliere un fungo biologico. Che è anche certamente molto buono da gustare!

La nostra zona, quella del bolognese, è tradizionalmente ricca di aziende agricole. Settembre è il mese in cui comincia l’autunno e subito si pensa ai prodotti agroalimentari tipici di questo periodo, come i funghi, anche se l’azienda che abbiamo intervistato, Funghi Valentina, li produce in serra tutto l’anno. Abbiamo fatto un salto nella Bassa bolognese per conoscere Valentina, sua madre e Oriano Borghi, l’imprenditore che ha dato vita, tanti anni fa, a una bella realtà imprenditoriale nel rispetto dell’ambiente circostante. Oltre all’intervista, troverete un commento tecnico di Massimo Govoni e una ricetta elaborata, quasi una scultura, dello chef siciliano Giuseppe Raciti.

Questa è un’immagine a 360°. Falla scorrere usando il puntatore.

Illustrazioni create da Kaos Communication e Paolo Iammarino

La redazione di Bioqualità e Simona Riccio hanno intervistato Valentina Borghi, uno dei soci proprietari di Funghi Valentina

Quando si lavora nel rispetto dell’ambiente e del territori le cose vengono da sé, si armonizzano le costruzioni nel verde, si piantano molti alberi a fare da protezione dalle intemperie, si fanno bacini di raccolta e riutilizzo dell’acqua, il depuratore a fanghi biologico, si produce energia con pannelli solari, si igienizza con acqua calda di risulta dal processo di climatizzazione e con detergenti a tensioattivi naturali, si essicca il prodotto a basse temperature. Diventa un modo di pensare.

Leggi l’intervista completa

Dopo la visita all’azienda Funghi Valentina, Massimo Govoni ci descrive cose interessanti e spesso sconosciute della coltivazione dei funghi prataioli biologici.

La produzione di funghi biologici è prevista dalla normativa europea. All’articolo 6 del reg. (CE) 889/2008 sono indicate le prescrizioni che devono essere rispettate e riguardano la composizione del substrato. Pensando alla coltivazione dei funghi, non può che venire in mente la strofa di una celebre canzone di De André: “…dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori”. Parafrasando, qui letteralmente dal letame nascono meravigliosi fiori per la nostra tavola.

Leggi l’intervento

Una ricetta molto sofisticata e di design preparata con funghi bio e tanti ingredienti prelibati dallo chef Giuseppe Raciti per StorieBioRicette

Vai alla ricetta

Tartelletta salata ai funghi Giuseppe Raciti per StorieBioRicette

Leggi gli altri articoli:

StorieBio: proteine vegetali bio per un’alimentazione varia

StorieBio, mele biologiche che amano l’ambiente

StorieBio, pesce bio antibiotic free

StorieBio, storie di fiori, api e miele biologico

StorieBio, la filiera della farina biologica

StorieBio, la pasta biologica dal campo al piatto

StorieBio, cosa c’è dietro un buon bicchiere di latte bio?

StorieBio, racconti di arance biologiche dal ramo alla marmellata