TRACES per l'import di prodotti biologici

TRACES per l’import di prodotti biologici

di Valerio Steccanella

TRACES per l'import di prodotti biologici

TRACES significa TRAde Control and Expert System. Dal 19 aprile 2017 i certificati d’ispezione per l’import di prodotti biologici sono emessi attraverso TRACES, il sistema di certificazione elettronica della Commissione Europea. Ciò a seguito dell’entrata in vigore del Reg. 1842/2016, che modifica il Reg. 1235/2008 sulle importazioni di prodotti biologici da Paesi Terzi.
leggi tutto
HACCP, etichettatura, ISO 22000, BRC e IFS, ISO 22005

Qualità e aziende alimentari: perché certificarsi?

di Chiara Martelli

Qualità e aziende alimentari: perché certificarsi?

Qualità, per l'industria alimentare, significa certificazioni BRC, IFS Food e Broker, Global GAP e Iso 22000 perché controllare il cibo, chi lo controlla e gestisce è importante quanto sceglierlo e portarlo in tavola. Perciò esistono schemi e standard internazionali come  studiati per armonizzare, verificare, valutare, rintracciare tutta la filiera che ruota intorno al cibo. Vediamo insieme di cosa si tratta.
leggi tutto
Importazione bio: chi, come e quando validare i dati 2018

15 aprile, importazione bio: chi, come e quando validare i dati 2018

15 aprile, importazione bio: chi, come e quando validare i dati 2018

15 aprile 2019, questa è la data stabilita con Nota 20339 del 20/03/2019 dal Ministero Politiche Agricole con cui si richiede a tutti gli importatori di prodotti bio da Paesi terzi la validazione dei dati delle importazioni eseguite nel 2018.
leggi tutto
Massimo Govoni Corso Consulenti e operatori biologico biodinamico vegano

Il biologico e il ruolo della consulenza

di Massimo Govoni

Il biologico e il ruolo della consulenza

Agricoltura bio: quando e perché nasce in contrapposizione alla cosiddetta rivoluzione verde? Inoltre, che ruolo si ritaglia la consulenza tra imprese alimentari e certificazione biologica? Anche quest'anno, in occasione del Corso di formazione per consulente e operatore del biologico, biodinamico e vegano, ho avuto l'occasione di parlare di questi argomenti che mi appassionano molto.
leggi tutto
no logo bio macellazione senza stordimento

No al logo bio se il bestiame è soppresso senza stordimento

No al logo bio se il bestiame è soppresso senza stordimento

La zootecnia con metodo biologico è volta a tutelare tutti gli aspetti della vita degli animali e quando l'allevamento volge al termine, il metodo biologico vigente nell'Unione Europea si applica anche al momento della loro soppressione, tutelando il loro benessere affinché vengano soppressi percependo la minor paura e il minor dolore possibili.
leggi tutto
Gli strumenti del bio_gennaio 2019 relazione art. 63_quarta parte

Gli strumenti del Bio: la tracciabilità (Relazione art. 63)/quarta parte

Gli strumenti del Bio: la tracciabilità (Relazione art. 63)/quarta parte

In questa quarta e ultima parte affrontiamo il terzo, in ordine d’importanza, degli argomenti che devono essere presenti nella relazione: la tracciabilità aziendale.
leggi tutto
Cibo e consumatori del 2069

Cibo e consumatori del 2069!

Cibo e consumatori del 2069!

E' senz'altro curioso e rappresenta una sfida culturale l'articolo della giornalista americana Elizabeth Dunn su Medium.com, che compie un balzo nel futuro. Il titolo è avveniristico: In 2069, Your Food Will Shop for You (Nel 2069 il cibo comprerà al posto tuo). Cioè, sarà il cibo a scegliere cosa è meglio per noi!
leggi tutto
PAP e PAI 2019 Bioqualità

31 gennaio e biologico: scadenza comunicazioni PAP e PAI

31 gennaio e biologico: scadenza comunicazioni PAP e PAI

Si avvicina la data di scadenza del 31 gennaio 2019 per le aziende che operano nel bio e che hanno l'obbligo di comunicare agli Organismi di controllo i propri PAP e i PAI, cioè i Programmi Annuali delle Preparazioni e delle Importazioni. 
leggi tutto
Gli strumenti del bio Relazione art. 63 terza parte

Gli strumenti del Bio: gestioni dei processi (Relazione art. 63)/terza parte

Gli strumenti del Bio: gestioni dei processi (Relazione art. 63)/terza parte

In questa terza e penultima parte ci dedichiamo ad alcune indicazioni utili alla descrizione dei processi produttivi oggetto di certificazione, ai quali vanno associate le misure precauzionali atte a garantire la conformità al dettato normativo.
leggi tutto
1 2 3 12